Mostre e Musei

SacroMonte_Varallo_UNESCO.jpg

E’ il più antico, il più grande e il più importante tra i Sacri Monti piemontesi e lombardi. 45 cappelle distribuite lungo un percorso di grande fascino e interesse ambientale, naturale e paesistico, sulla terrazza di roccia che sovrasta la città. 

Patrimonio UNESCO

Il Sacro Monte

Pinacoteca_Varallo.jpg

All’interno del Palazzo dei Musei ha sede la Pinacoteca di Varallo, la seconda raccolta più importante del Piemonte. Particolare rilievo è dato alle opere qui conservate di Gaudenzio Ferrari e Antonio d’Enrico, detto Tanzio da Varallo, i cui capolavori sono noti in tutto il mondo.

La Pinacoteca e il Museo Calderini

PALAZZO DEI MUSEI

Chiesa_Santa_Maria_Grazie_ Varallo.jpg

Ai piedi della salita che da piazza Gaudenzio Ferrari conduce al Sacro Monte, troviamo la Chiesa di Santa Maria delle Grazie.  Subito entrando, lo sguardo del visitatore è catturato dalla grande parete che divide la chiesa in due parti, opera del grande Gaudenzio Ferrari.   

Chiesa di Santa Maria delle Grazie

LA PARETE GAUDENZIANA

ChiesaLoreto_Varallo.jpg

Varallo, è sede di numerosi monumenti d’arte e di fede di pregevolissima fattura, a partire dalla Madonna di Loreto, “sacrario dell’arte valsesiana” con pregevoli affreschi cinquecenteschi interni ed esterni di Gaudenzio Ferrari e Giulio Cesare Luini 

Madonna di Loreto

CHIESA DI LORETO

MuseoScaglia_Varallo.jpg
Casa Museo Cesare Scaglia
MuseoPesca_Varallo.jpg
Museo
della Pesca
MuseoFerroviarioValsesiano.jpg
Museo Ferroviario Valsesiano
MuseoEnergia_Varallo.jpg
Museo dell'Energia
Collegiata_SanGaudenzio_Varallo.jpg
Collegiata
di San Gaudenzio

“La conoscevo fin da bambino, la Valsesia,

Varallo, il Sacro Monte. C’ero andato come pellegrino e l’avevo riconosciuto come una cosa mia. La fede vera, concreta, quotidiana, terribile, testimoniata in una forma che sentivo davvero mia: il teatro. Le ricordo ad una ad una, le facce dei personaggi nella Cappella della Crocifissione. Mi hanno fatto sentire la necessità di esprimermi con la parola recitata”. 

— Giovanni Testori 

© 2019 | Comitato per l'Alpàa | Alpàa Festival | Varallo Sesia