Mostre e Musei

SacroMonte_Varallo_UNESCO.jpg

Patrimonio UNESCO

Il Sacro Monte

E’ il più antico, il più grande e il più importante tra i Sacri Monti piemontesi e lombardi. 45 cappelle distribuite lungo un percorso di grande fascino e interesse ambientale, naturale e paesistico, sulla terrazza di roccia che sovrasta la città. 

Pinacoteca_Varallo.jpg

La Pinacoteca e il Museo Calderini

PALAZZO DEI MUSEI

All’interno del Palazzo dei Musei ha sede la Pinacoteca di Varallo, la seconda raccolta più importante del Piemonte. Particolare rilievo è dato alle opere qui conservate di Gaudenzio Ferrari e Antonio d’Enrico, detto Tanzio da Varallo, i cui capolavori sono noti in tutto il mondo.

Chiesa_Santa_Maria_Grazie_ Varallo.jpg

Chiesa di Santa Maria delle Grazie

LA PARETE GAUDENZIANA

Ai piedi della salita che da piazza Gaudenzio Ferrari conduce al Sacro Monte, troviamo la Chiesa di Santa Maria delle Grazie.  Subito entrando, lo sguardo del visitatore è catturato dalla grande parete che divide la chiesa in due parti, opera del grande Gaudenzio Ferrari.   

ChiesaLoreto_Varallo.jpg

Madonna di Loreto

CHIESA DI LORETO

Varallo, è sede di numerosi monumenti d’arte e di fede di pregevolissima fattura, a partire dalla Madonna di Loreto, “sacrario dell’arte valsesiana” con pregevoli affreschi cinquecenteschi interni ed esterni di Gaudenzio Ferrari e Giulio Cesare Luini 

MuseoScaglia_Varallo.jpg
Casa Museo Cesare Scaglia
MuseoPesca_Varallo.jpg
Museo
della Pesca
MuseoFerroviarioValsesiano.jpg
Museo Ferroviario Valsesiano
MuseoEnergia_Varallo.jpg
Museo dell'Energia
Collegiata_SanGaudenzio_Varallo.jpg
Collegiata
di San Gaudenzio

“La conoscevo fin da bambino, la Valsesia,

Varallo, il Sacro Monte. C’ero andato come pellegrino e l’avevo riconosciuto come una cosa mia. La fede vera, concreta, quotidiana, terribile, testimoniata in una forma che sentivo davvero mia: il teatro. Le ricordo ad una ad una, le facce dei personaggi nella Cappella della Crocifissione. Mi hanno fatto sentire la necessità di esprimermi con la parola recitata”. 

— Giovanni Testori 

© 2020 | Comitato per l'Alpàa | Alpàa Festival | Varallo Sesia